venerdì 29 aprile 2016

Cheesecake crudista alle fragole


cheesecake raw alle fragole

Quando ero solita passare il mio tempo libero sbirciando decine di blog ogni giorno, ci rimanevo sempre un po’ male quando vedevo che qualcheduno non era più aggiornato da molto tempo, senza un saluto o una spiegazione. Provavo la stessa sensazione che proverei ad entrare in una casa disabitata, ma con ancora i piatti della colazione sul tavolo e i cappotti appesi all’ingresso. Penso che sia la presenza dell’assenza a destabilizzarmi, quando la mancanza di qualcuno diventa talmente forte e invadente da essere palpabile. In questo lungo ed intenso anno mi è capitato di tanto in tanto di venire a vedere come stava questo mio angolino virtuale, ma il più delle volte chiudevo tutto velocemente per non provare quel senso di abbandono che mi rendeva immediatamente un po’ triste. Girovegando in cucina, quel raccoglitore di foto e parole così importante negli anni passati, era diventato lui stesso la presenza dell’assenza. La mia assenza, non solo in quanto blogger, forse proprio della persona che ero prima e che non tornerò più.
Diventare mamma è stata ed è l’esperienza più intensa di tutta la mia vita, non c’è stato giorno in questo anno in cui non abbia dato il 100% di me stessa, per cercare di essere sempre un pochino migliore. Ho  eliminato ogni forma di egoismo per dedicarmi completamente alla mia bambina, per cercare di essere per lei la madre migliore che io possa immaginare e, probabilmente, quella che avrei voluto. E’ un’esperienza che ti arricchisce immensamente, ma richiede tanto sacrificio e a volte qualche lacrima. Le settimane e i mesi passavano e mi rendevo conto che la persona che credevo di essere, non c’era più. Non c’era più tempo né voglia per seguire quelle passioni che negli ultimi anni mi avevano dato così tanto, niente cucina, fotografia o libri da sfogliare. In compenso però stavo crescendo una bambina felice, serena, sorridente con tutti e con una gran voglia di entrare a fare parte del mondo a pieno titolo. Io, da sempre incapace di prendermi cura anche solo di me stessa, cresco Sveva... e lei è felice di essere qui con me. E’ una soddisfazione talmente grande che è difficile da spiegare a parole. Ora tutto il mio mondo ruota attorno a lei e anche se le persone mi dicono che dovrei riprendermi in mano la mia vita, le mie abitudini, e io per prima a volte senta la mancanza di alcune cose che facevo prima e ora non più, dentro di me so che dedicarmi totalmente a lei con anima e corpo è la cosa migliore per entrambe.
Non a caso, anche questa torta è stata fatta per lei. Il 22 aprile la mia bimba ha compiuto 1 anno e ho pensato di farle un dolce che potesse assaggiare, da qui l’idea di una torta crudista. Sana, veloce, nutriente e buonissima, a detta di tutti. A vederla era così bella che mi è venuta voglia di fotografarla... da quel giorno è passata una settimana e oggi invece è il mio di compleanno. Così ho voluto farmi un regalo e tornare qui con un post. A ricordarmi che non ho perso nulla di quello che avevo, è solo in pausa. Nel mentre in cui la cucina riposa, una bimba cresce felice con la sua mamma e questo è davvero il dono più bello che qualcuno possa farmi.

Note sulla ricetta:
In primis grazie a Romina di Sugarless per i consulti telefonici e per avermi ispirata con la sua ricetta.
Come è lei stessa a dire serve un frullatore molto potente per ottenere una crema liscia senza fonderlo; io non ho un Vitamix o qualcosa di simile, ma un semplice Philips molto capiente e abbastanza forte e ce l’ho fatta in ogni caso. Se però possedete un robot da cucina piuttosto economico forse non è la torta che fa per voi, perché c’è rischio che si rompa.

Ricetta ispirata da questa di Sugarless
Ingredienti per uno stampo a cerniera da 26 cm:

Per la base:
190 g di datteri senza nocciolo
180 g di cocco in scaglie
un pizzico di sale

Per il ripieno:
430 g di anacardi ammollati una notte in acqua fredda
230 g di sciroppo d’agave
280 g di fragole
60 g di acqua pulita
un pizzico di sale
230 g di olio di cocco fuso

Per la decorazione:
fragole
fiori di biancospino

Procedimento:
Iniziamo preparando la base mettendo nel robot da cucina i datteri e azionando fino a ridurli in purea; se dovessero attaccarsi lungo le pareti bloccate il motore e con una spatola riportateli verso il centro. Alla fine dovremo ottenere un composto con meno pezzetti visibili possibili. A questo punto aggiungiamo il cocco e il sale, frulliamo ancora e versiamo il composto sullo stampo precedentemente unto. Distribuiamolo con le mani, spingendo delicatamente. Mettiamo a riposare in freezer mentre ci occupiamo del ripieno.
Laviamo il robot da cucina e mettiamovi gli anacardi scolati, l’agave, le fragole tagliate a pezzetti, l’acqua e il sale. Iniziamo a frullare, fermando le lame quando il motore si surriscalda troppo. Dovremo ottenere una crema liscia, priva di granelli e possono occorrere 5-7 minuti nel frullatore, a seconda della potenza del vostro modello. Quando avremo una crema liscia, con le lame in movimento versiamo lentamente l’olio di cocco fuso. Frulliamo solo finché i due composti sono amalgamati. Versiamo il ripieno ottenuto sulla base di datteri e lasciamo in freezer per una notte.
Scongeliamo la torta 1-2 ore prima di servirla, decorandola con le fragole e i fiori. Si conserva in frigorifero per qualche giorno.


Un saluto anche dalla mia Sveva, qui a 8 mesi.
A presto.

19 commenti:

  1. Kati, mi sono commossa. Capisco perfettamente quello provi ed hai descritto al meglio la sensazione che lascia addosso il trascurare questi spazi virtuali che sono i nostri blog. Succede lo stesso anche a me. La tua Sveva è una bambina davvero fortunata (oltre che bellissima), le stai facendo il dono più grande del mondo. Il tuo Tempo, la tua linfa vitale, la tua energia creativa, i tuoi pensieri, le tue forze. Spesso ci si sente dire che è sbagliato annullarsi per i figli, che riprendere in mano la propria vita al più presto sia la cosa migliore da fare. Ecco, io credo che non ci sia nulla di sbagliato nel dedicarsi al 100%, corpo, mente e spirito, ai nostri cuccioli. Credo che il momento che stiamo vivendo sia irripetibile e in quanto tale vada protetto e messo in cima alla lista delle priorità. Il resto torna, l'infanzia no. E la luce negli occhi di queste anime gentili ripagano di tutti gli sforzi fatti. Sei una mamma proprio speciale: si vede dal volto sereno di Sveva e anche dalla meravigliosa torta che hai creato con tanto amore.
    Un abbraccio.
    Vale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale, le tue parole (dette da una mamma che stimo tanto) mi rasserenano molto. Hai proprio ragione: il resto torna, l’infanzia no.
      Un bacio grande.

      Elimina
  2. Dimenticavo! Auguri di cuore!!!! :* :* :*

    RispondiElimina
  3. Tantissimi auguri ad entrambe, meraviglie!

    RispondiElimina
  4. Mi riconosco nelle tue parole e non volevo fare altro che dedicarmi a lei. Ho avuto la fortuna di poterlo fare e ho imparato moltissimo da lei e soprattutto grazie a lei ho iniziato a capire meglio chi sono. Continua così e segui il tuo cuore! Auguri a tutte due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Hai ragione, sono loro ad insegnarci tanto... in primis chi siamo.

      Elimina
  5. quegl'occhioni blu ti rapiscono il cuore!!! ma quanto è bella la tua bimba!
    e quanto buona dev'essere la torta! ahimè neppure io ho un supermegapotente frulla tutto... però chissà
    m'annoto lo stesso la ricetta di questa delizia!
    ancora tanti auguri...tantissima felicità!!! :-)

    RispondiElimina
  6. Auguri a te e alla piccola e bentornata sul blog. Capisco perfettamente il turbine di emozioni e di cambiamenti che ti sconvolge la vita con l'arrivo di un piccolo, soprattutto il primo è un passaggio grande e ci ritrova profondamente diversi da prima, le priorità cambiano. Col tempo le sue necessità cambieranno e il tempo per te tornerà, anche se tu no sarai mai quella di prima... goditi questo tempo bellissimo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Daria, il primo ti sconvolge proprio. Nulla è più come prima, ma c’è tanto da guadagnare in questo radicale cambiamento.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  7. E' meravigliosamente bello ed autentico tutto ciò che hai espresso in questo post. E la tua bimba è una meraviglia della natura <3 Hai tutti i motivi per esserne straorgogliosa :D Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Bentornata a te e alla tua splendida fatina dagli occhi del mare, volevo dirti che il non trovarti più sul blog mi aveva preoccupata ... adesso so che era per un ottimo motivo e potrò aspettare il prossimo post con serenità.
    Antonella
    P.S. io e alberto siamo stati a Rimini città e quando ho visto i cassoni abbiamo ricordato con nostalgia quelli ottimi che potavi sempre in abbondanza nei raduni...

    RispondiElimina
  9. che bel blog! che bella ricetta e che bellissima bimba!!!! ho il piacere di scoprire il tuo angolino solo adesso grazie alla community di veganly....per motivi diversi dal tuo anch'io in questi mesi ho trascurato un po mio di blog ....non postando tutte le ricette che avrei voluto...però credo che sia giusto così, il bello è anche trovarsi e ritrovarsi, cambiati, nuovi e pieni di grinta!
    ti seguirò con piacere.... se ti va passa a trovarmi www.lacucinadijorgette.blogspot.it
    A presto
    Jorgette

    RispondiElimina
  10. Magnifique. La photo est trop belle

    RispondiElimina
  11. complimenti per la ricetta e il blog! La torta è buonissima:-)
    cari saluti dalle mie vacanze alpe di siusi, Marisa.

    RispondiElimina