sabato 30 marzo 2013

Cupcakes alla vaniglia


Mamma mia, domani è già Pasqua!
Marzo mi è proprio volato... sarà che si stanno susseguendo delle novità che mi tengono parecchio occupata, sarà che le giornate si stanno allungando e si ha più voglia di fare... resta il fatto che domani è l'ultimo del mese!
A dire il vero se guardo fuori dalla finestra sembra novembre con nebbia ed acqua, ma gli alberi sono già timidamente in fiore e i campi si stanno riempiendo di fiorellini che mi rallegrano. Insomma, la bella stagione è vicina. :-)
Perciò vi propongo questi cupcakes così girly e primaverili, profumatissimi di vaniglia e il cui impasto è veramente buono e soffice (il segreto, come nei pancakes, è sempre nell'uso del fake buttermilk). Il frosting è stato fatto con una tavoletta di cioccolato bianco vegan che mi sono concessa per sfrizio, se non l'avete potete semplicemente spalmarli di yogurt di soia alla vaniglia, come avevo fatto con questi.
Perdonate il mio maldestro tentativo di decorazione, ma tra che io sono una schiappa, tra che la sac à poche di Ikea è di infima qualità, l'impresa è stata ardua :-)

Ricetta ispirata da Vegan cupcakes take over the world

Ingredienti per 8 cupcakes:
150 gr farina 00
20 gr amido di mais
5 gr lievito in polvere
mezzo cucchiaino bicarbonato di sodio
mezzo cucchiaino sale fino
250 ml latte di soia vanigliato
80 ml olio di riso
1 cucchiaino aceto di mele
120 gr zucchero di canna chiaro
15 ml estratto di vaniglia

Per il frosting:
250 gr yogurt di soia alla vaniglia
1 cucchiaio panna di soia da cucina
100 gr cioccolato bianco di soia, vegan
2 cucchiai zucchero a velo vanigliato
perle di zucchero per la decorazione

Procedimento per i cupcakes:
Come prima cosa preriscaldiamo il forno a 180°.
Uniamo in una brocca il latte di soia assieme all'aceto e lasciamo riposare; si formerà una sorta di cagliatura, del tutto normale.
In una ciotola setacciamo insieme la farina, l'amido, il lievito, il bicarbonato e il sale.
In un'altra ciotola più capiente uniamo l'olio, l'estratto di vaniglia, lo zucchero e la miscela di latte e aceto. Mescoliamo.
Aggiungiamo gli ingredienti secchi nei liquidi, mescoliamo poco e velocemente con una frusta: l'impasto non deve risultare troppo omogeneo.
Versiamo il composto in otto stampi da muffins, unti o ricoperti con pirottini di carta, fino a riempirli per tre quarti.
Facciamo cuocere per 20 minuti e comunque finché uno stecchino conficcato al centro non ne risulta pulito.

Procedimento per il frosting:
Il giorno prima posizioniamo lo yogurt in un tovagliolo pulito, chiudiamo a fagotto, appoggiamo su di un colino a maglie fitte e posizioniamolo a colare sopra ad una ciotola per 24 ore (così perderà tutto il siero).
Il giorno dopo uniamo lo yogurt colato alla panna di soia e allo zucchero a velo, mescoliamo.
In un pentolino sciogliamo a bagnomaria il cioccolato di soia, quando è pronto aggiungiamovi un cucchiaio del composto di yogurt, mescoliamo ed uniamolo delicatamente al restante yogurt. Facciamo riposare in frigo per 20-30 minuti e decoriamo i nostri cupcakes con l'aiuto di una sac à poche.
Se vogliamo, guarniamo con perle di zucchero.

Vi auguro di passare una buona Pasqua e, dato che questo è l'ultimo giorno utile, anche con questa ricetta partecipo alla raccolta di Ale-Golosità Vegane




Un abbraccio e a presto.


19 commenti:

  1. O dio.. mi stai facendo morire di curiosità. Allora.. queste novità???
    I cupcakes sono una delizia per gli occhi e anche per il palato. <3

    RispondiElimina
  2. Meraviglia!voglio trovare anch'io il ciocco bianco vegan! per ora non l'ho mai visto..però,non l'ho neanche mai cercato, da solo così non mi fa impazzire,però con il "cream cheese" dovrebbe essere meno stucchevole!
    casomai ci vado di spalmata con lo yogurt!
    ti auguro una felice pasqua, un bacione:)

    RispondiElimina
  3. Quelle perline messe come decorazione sono un tocco molto raffinato... :-)
    I cupcakes sono tra i dolci più belli in assoluto, da vedere!

    RispondiElimina
  4. meno male che non sei brava a decorare, Katy:-)un bacio e buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  5. Che belli delicati e raffinati! Con le perline sono perfetti, altro che schiappa a decorare! ^_*
    Grazie mille per la ricetta!

    RispondiElimina
  6. tanti auguri e complimenti per le tue cup!

    RispondiElimina
  7. Se il sapore è perfetto come l'aspetto (foto meravigliosa!), e in proposito nutriamo ben pochi dubbi, hai fatto un vero capolavoro :-)!

    RispondiElimina
  8. Sembrano davvero speciali °_°

    RispondiElimina
  9. Che bella atmosfera, che candore in questa foto.

    RispondiElimina
  10. Ciao! Passa da me, c'è una piccola sorpresa x te! :)

    RispondiElimina
  11. aaaaahhh!! Ma allora sei tu!! Ho letto un commento sul mio blog e non riuscivo a ricondurre il nome al blog. E invece eccoti!! Ma sai che hai un blog MERAVIGLIOSO!!
    Devo rivedere la mia blogroll così ti inserisco e non mi perdo neppure un post!
    Brava

    RispondiElimina
  12. Ma no ma io li trovo così belli ed eleganti e decisamente primaverili :)
    Finalmente qualche spiraglio di sole qui si è visto!!!
    Primavera primavera primavera ;)

    RispondiElimina
  13. bello il tuo blog, mi unisco ai tuoi lettori!
    passa a trovarmi se hai piacere:
    www.dolcementeinventando.com

    RispondiElimina
  14. Io li faccio da 4 mesi seguendo questa ricetta, praticamente identica:
    http://www.vegancupcakes.it/cupcakes/122/vegan-golden-vanilla-cupcakes

    Sono deliziosi.

    Purtroppo, nessun di voi ha citato chiaramente la fonte, perciò non so bene da dove arrivi originariamente la ricetta :/
    Ma chiunque l'abbia creata ha tutta la mia stima!

    RispondiElimina
  15. Ciao Asu, hai ragione, sono molto simili!
    Io, parlo per me, ho preso spunto da un libro che possiedo e si intitola Vegan cupcakes take over the world. Quello di unire aceto e latte vegetale è la "tecnica vegan" per creare il finto latticello, che gli americani usano nei loro dolci per conferire maggiore morbidezza (ad esempio io lo faccio anche con i pancakes). Essendo i cupcakes americani, un po' in tutto il web c'è questa tecnica.
    Ad ogni modo, quella dei muffins alla vaniglia è una ricetta piuttosto standard, è normale trovare somiglianze fra i vari siti... un po' come il quattro quarti della pasticceria tradizionale :-)

    Grazie per il tuo commento :-)

    RispondiElimina
  16. Grazie per aver aggiunto la fonte, lo trovo molto utile!
    Sono quelle informazioni che una registra da qualche parte nel cervello e poi, quando si trova davanti il libro zac! "ma io questo lo conosco!" e lo compra ^_^

    RispondiElimina
  17. Hai perfettamente ragione :-)
    Grazie a te per la tua segnalazione, sono importanti commenti del genere, perché aiutano a migliorare i blog :-)
    A presto! ^_^

    RispondiElimina