mercoledì 5 giugno 2013

Muffin salati con carote e semi di girasole



Sto vivendo un periodo un po'...rustico.
Ho voglia di cose semplici, sapori genuini, piatti poco elaborati, situazioni conviviali.
Forse la vita di campagna mi ha ulteriormente cambiata, modificando il mio modo di vedere le cose e vivere la quotidianità.
Ora come ora, vorrei solo avere qualche certezza in più su quello che sarà il mio futuro, impossessarmi di un po' di fiducia in me stessa, avere la sfrontatezza di lanciarmi nelle cose. Il problema è che non li butti alle spalle con facilità 25 anni passati a convincerti che non sai fare nulla, che gli altri sono sempre e comunque più bravi di te.
Magari qualcosa sta cambiando, ma in modo così impercettibile da non permettermi di rendermene conto nel quotidiano. Spero di riuscire a guardarmi indietro tra qualche anno e vedere una Katy che ce l'ha fatta, che ha rischiato e che ha imparato a volersi bene per quella che è.
Una volta l'avrei percepita come un'offesa, ma oggi sono lieta e ho la certezza di dire che sono una persona semplice... ed è così che voglio rimanere.

Semplice come questi muffin, che si preparano in un lampo e sanno di casa e cose buone.

Ingredienti per 6 muffin:
100 gr farina 0
50 gr farina integrale
2 cucchiai lievito alimentare
200 gr carote (circa 3-4 carote con la buccia)
2 scalogni
4 cucchiai olio evo
8 gr lievito in polvere non aromatizzato
2 cucchiai pieni semi di girasole
1 cucchiaino pieno sale fino integrale
timo e erba cipollina freschi
pepe
latte di soia non aromatizzato q.b. (circa 120 ml)









Procedimento:
Sbucciamo le carote, tagliamole alla julienne e mettiamole in una ciotola. Tritiamo finemente gli scalogni sbucciati e aggiungiamoli alle carote, mescolando tra loro.
In un'altra ciotola setacciamo le farine col lievito, aggiungiamo il sale, il lievito alimentare, il pepe, le foglie di timo e i ciuffi di erba cipollina tagliati a piccoli pezzi con le forbici. Misceliamo.
Aggiungiamo l'olio, mescoliamo sommariamente, versiamovi le verdure, i semi di girasole e iniziamo ad aggiungere il latte di soia a filo. Non mescoliamo troppo.
Dobbiamo ottenere un composto molto denso, diverso da quello dei muffin dolci, che andremo a mettere nei pirottini unti o coperti di carta forno prelevando con un cucchiaio e riempiendoli per 3/4.
Inforniamo in forno già caldo a 180° per 20 minuti circa.















































Un abbraccio e a presto.


27 commenti:

  1. Che cosa buona *-* Non vedo l'ora di farli. A breve devo accendere il forno per una torta, mi sa che ci infilo pure questi ;) Così oltre il dessert, ho pure il pasto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Ania, anche io faccio così quando cuocio una torta o la pizza... alla fine ci infilo un'altra cosina che è pronta in 15-20 minuti, così sfrutto il calore già presente :-)

      Elimina
  2. Belli e buoni questi muffin, praticamente come te :) Capisco bene quello che dici e spero che al più presto riuscirai a concederti l'approvazione da te stessa, perchè te la meriti, da sempre <3

    RispondiElimina
  3. non ne bastano 35.Ma. ma tu sei brava davvero. Fidati. Io mi fido circa la bontà di questi muffins :-)

    RispondiElimina
  4. i tuoi muffin devono essere buonissimi!per quanto possa valere il mio modesto parere,secondo me sei bravissima e piena di inventiva.Mi rivedo molto nelle tue parole sul futuro,la fiducia in se stessi e che...gli altri sono sempre più bravi di te.solo che io di anni ne ho 38 e a volte mi sembra di essere ancora adolescente proprio per questi aspetti di me.Credo però che ci sia anche il lato positivo in tutto ciò.E cioè che il non essere troppo sicuri di se stessi, porti a cercare di migliorarsi sempre.I migliori chef sono quelli che non si sentono " mai arrivati ".Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un buon modo di vedere le cose, il problema è che io non mi riferisco all'ambito cucina... è tutta la mia vita che è un continuo rimandare/lasciare perdere per paura e rassegnazione :-(
      Grazie per il tuo commento :-)

      Elimina
  5. Il salto, lo scatto, si fa proprio quando capiamo queste cose: che valiamo, che possiamo riuscire a realizzare sogni e progetti (se non tutti tutti almeno alcuni), che abbiamo qualità e risorse, che la paura di non essere all'altezza non deve bloccarci, che prima o poi avremo forza e coraggio di spiccare il volo e che la semplicità nel mondo urlante e storto di oggi è un valore enorme da custodire...

    RispondiElimina
  6. Katy, ma che dici?
    Ok, ti conosco solo in ambito veg-culinario, ma a me sembra che tu sia bravissima (e non solo per quanto riguarda le ricette, perché rimango sempre incantata davanti alle tue foto!).
    Continua così, questa tua semplicità è unica e speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cesca, sei dolcissima... il problema è che è tutta la mia vita così, non tanto la cucina che è un gioioso passatempo <3

      Elimina
  7. So che quando non ci si crede noi per prima a poco serve che te lo dicano gli altri, ma per quanto può valere, poichè lo penso, non posso fare a meno di dirti che sei bravissima in quello che fai e che niente, soprattutto la paura di non riuscire, deve bloccarti nel cercare di raggiungere i tuoi obiettivi. (okey, ora vado a dirmelo un po' da sola :D)
    ..e se questi sono i frutti della tua "scoperta", ben vengano e che ce ne siano tanti altri!
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto darei Lucre per tornare indietro ai tuoi anni e fare tutto diverso. Tutto (tranne Daniele!).
      Ripetitelo più che puoi, e tu cerca davvero di non avere paura.
      Un abbraccio

      Elimina
  8. ciao, sono Antonella. Sembrano golosi come i cassoni del raduno e quindi credo siano altrettanto buoni. Grazie della ricetta e complimenti per le ottime fotografie, hai un grado estetico molto alto. Un saluto affettuoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella! Che piacere leggerti qui :D
      Grazie per il tuo gentilissimo commento, a breve posterò i cassoni, così ti darò una ricetta più precisa :-)
      A presto!

      Elimina
  9. Mi piace il tuo periodo rustico..... bellissimo e vero come questi muffin!!!! straordinari.
    Ho avuto il piacere di incontrati anzi di incontrarvi, siete bellissimi..... buttati carissima, hai l'energia, la capacità di inventarti... di creare quello che vuoi. E non devi assolutamente preoccuparti, tutti noi siamo convinti di non saper far nulla, personalmente vorrei davvero riuscire a realizzare me stessa, ti capisco tu sei alle prime esperienze ed io invece vorrei cambiare totalmente il mio futuro. Ma tu hai più possibilità sai già dove vuoi arrivare..... devi solo lasciarti andare!!! Sono felice di averti conosciuta, a luglio ci rifaremo di chiacchere!!!! davanti ad un gelato strepitoso :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una gran donna Felicia, farai del tuo futuro ciò che vuoi, ne sono certa!

      ...dai, che luglio è vicino!!!! :-)

      Elimina
  10. che cosa buona :) ti faccio i complimenti, anche per il tuo percorso! ti capisco ma da quello che vedo e leggo qui mi sembri una persona bellissima e molto forte :)
    un in bocca al lupo e se vuoi passa a trovarmi, anch'io ho fatto i muffin ma dolci eheheh!

    RispondiElimina
  11. Grazie per questa buonissima ricetta: non avevo più scalogno, ho messo una cipolla ed uno spicchio d'aglio schiacciato, erano favolosi lo stesso.
    Però non ho capito una cosa: per lievito in polvere immagino tu intendi quello istantaneo, ma per lievito "alimentare" cosa intendi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, sono felice che ti siano piaciuti :-)
      Sì, per lievito in polvere intendo quello istantaneo (quello che si usa per le torte salate, per intenderci), invece per lievito alimentare intendo un prodotto che si trova nei negozi del biologico, ricco di vitamine e che ha un sapore molto particolare, che a me piace tanto, ma ovviamente è totalmente omettibile :-)
      E' questo qui http://www.natsabe.it/prodotti/baule-volante/lievito-alimentare-in-fiocchi-200gr-lic309.asp?ID=8018848000054&L=IT

      Un abbraccio ^_^

      Elimina
  12. Ah, ma pensa! Quindi serve a dare gusto e non a far lievitare... o secondo te contribuisce anche a quello?
    Vedrò se lo trovo dalle mie parti, sono curiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no serve solo per il gusto (anche se a tanti non piace), gli è stato tolto tutto il potere lievitante, tant'è che solitamnete non dà problemi anche a chi è intollerante al lievito :-)

      Elimina
  13. Questa ricetta mi ispira tantissimo, tanto che vorrei provarla come merenda/pranzetto da portarmi in treno alla vigilia :D Secondo te posso usare solo del bicarbonato al posto del lievito in polvere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna, puoi tranquillamente mettere il bicarbonato al posto del lievito, ma in questo caso aggiungi anche un cucchiaino di aceto assieme agli altri ingredienti liquidi, altrimenti non si crea la reazione chimica che provoca la lievitazione :-)
      Buone feste!

      Elimina